La preparazione della tavola

Una tavola apparecchiata con gusto è indice di raffinatezza e dimostra l’attenzione che i padroni di casa hanno nei confronti degli ospiti.

Non si abbia paura di esagerare, per quanto semplice sia il pasto lo si godrà di più in un contesto preparato in modo invitante.Questo non significa tavola elaborata o eccessivamente decorata, il gusto moderno consiglia molta semplicità.
Inutile dire che ogni cosa, posate, stoviglie e bicchieri, deve essere pulita e scintillante. La tavola deve essere grande abbastanza da consentire agli invitati di stare comodi e a proprio agio.
La tovaglia dovrebbe essere preferibilmente bianca la sera, ma anche delle tonalità pastello andranno bene, l’importante è che sia adatta all’occasione e che si sposi con il servizio di piatti.

Per abbellire la tavola un centrotavola sarà di sicuro effetto, l’importante è che non ostacoli i movimenti o la vista degli altri commensali.
I piatti si dispongono ad uguale distanza l’uno dall’altro ed il loro numero varia a seconda delle portate del menu e lo stesso vale per le posate. La loro posizione è comunque fissa. Come regola generale le posate vanno disposte in ordine di uso, dall’esterno all’interno.
I coltelli stanno con la lama rivolta verso il piatto, le forchette con le punte rivolte verso l’alto e il cucchiaio appoggiato sulla parte convessa.
Il tovagliolo può essere messo sul piatto di ognuno oppure a destra.
Su una tavola elegante non si vedranno mai tovaglioli ripiegati in maniera bizzarra, ne mai, ripetiamo “mai”, gli stuzzicadenti.

Vediamo nel dettaglio come disporre piatti e posate:

1: Tovagliolo
2: Forchetta pesce
3: Forchetta pasto
4: Forchetta insalata
5: Piatto fondo
6: Piatto piano
7: Piatto da pane con coltello per il burro
8: Cucchiaino dessert
9: Forchetta torta
10: Coltello di servizio
11: Coltello pesce
12: Cucchiaio da brodo
13: Calice vino rosso
14: Calice vino bianco
15: Bicchiere acqua

Category: