Le buone maniere a tavola

Il momento del pasto è un momento di relax e di distensione ma non per questo bisogna lasciarsi andare troppo e dimenticare le buone maniere.

Ecco in pillole alcuni buoni consigli da seguire:

- Appena ci si siede si piega il tovagliolo sulle ginocchia. Non è educato legarlo intorno al collo o infilarlo nel colletto della camicia. Alla fine del pasto non si ripiega ma lo si appoggia alla sinistra del piatto prima di alzarsi.

- Prima di iniziare a mangiare si aspetta che tutti gli invitati abbiano preso posto e che la padrona o il padrone di casa abbiano preso il primo boccone. E’ consentito iniziare prima solo se viene espressamente richiesto dalla padrona di casa per non far raffreddare il cibo.

- Prima di mangiare ogni boccone bisogna controllare che non contenga parti di scarto, questo per evitare dopo di essere costretti a toglierlo dalla bocca.

- Quando si smette un attimo di mangiare, per bere o per conversare, si posano le posate obliquamente sul piatto, con le punte della forchetta rivolte verso il basso e la lama del coltello rivolta verso il centro del piatto.

- Con la bocca piena non bisogna bere e ancor meno parlare.

- Versando da bere non si deve riempire il bicchiere fino all’orlo e bevendo non si deve assolutamente alzare il mignolo!

- Quando non si vuole che il bicchiere venga riempito non lo si copre e non lo si scosta, è sufficiente fare un piccolo cenno con la mano.

- Non è assolutamente ammesso usare stuzzicadenti e se il fastidio per un pezzetto di cibo dovesse essere insopportabile, si chiede il permesso di andare un attimo alla toilette.

- Quando si finisce di mangiare si lasciano entrambe le posate perpendicolarmente alla persona e con i manici sul piatto.

Category: